Indice

Il Qatar: la sua storia, la sua cultura e il suo presente

 

Nell’ultimo anno il Qatar ha acquisito notorietà soprattutto grazie allo svolgimento dei giochi FIFA 2022. In realtà, il Qatar è il primo Paese musulmano a ospitare i Mondiali di calcio nel mondo. Quello che abbiamo notato nelle ultime settimane, tuttavia, è la critica prevalente nei confronti del Paese, nonostante gli enormi sforzi compiuti dai qatarini per far fronte a questo compito non facile. Questo testo è stato quindi scritto per rispettare gli sforzi di tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile questo evento.

Baia Ovest Panorama di Doha di notte; Qatar
Doha, la capitale del Qatar, di notte. Panorama dello skyline della West Bay

Le critiche al Qatar riguardano soprattutto le leggi severe di questa società e le difficili condizioni di lavoro degli immigrati che hanno lavorato alla costruzione degli stadi e di tutte le infrastrutture necessarie per la competizione FIFA 2022. E poi! Non credo di sapere tutto. E sì, la cultura del Qatar è diversa dalla “cultura occidentale” per alcuni aspetti. E sì, le strade brulicavano di persone che lavoravano con sudore per costruire quasi tutto. Ma indovinate un po’? La maggior parte delle persone che abbiamo incontrato a Doha era felice di aver ottenuto il lavoro e preferiva il Qatar a, per esempio, Dubai. Sono d’accordo con tutte le regole del Qatar? Certo che no, ma capisco anche perché esistono.

 

Visitando questo Paese abbiamo avuto impressioni e fatti positivi: siamo stati accolti molto bene dai “locali”. Una breve spiegazione, però, all’inizio: visitando il Qatar, abbiamo adottato la mentalità che stavamo visitando la casa di qualcuno e che avremmo rispettato le regole lì e i padroni di casa stessi.

Rimanere aperti al Qatar

L’idea principale è quella di rispettare le differenze e non cercare di cambiare qualcuno con la forza. Le persone cambiano personalmente e anche i Paesi, con le loro culture, cambiano. Se si imponesse un unico modello di comportamento e di direzione del cambiamento a tutte le persone e a tutti i Paesi, che mondo noioso sarebbe quello in cui vivremmo.

 

Crediamo che a volte le critiche o i conflitti possano essere alleviati con la conoscenza e la comprensione. Quest’ultima aiuta, soprattutto nel trattare gli altri con rispetto. Ecco perché questo articolo è nella mia mente da diversi giorni.

 

 

 

Il Qatar: le origini

Il porto di Al Khor con le imbarcazioni tradizionali; Qatar
Barche tradizionali dei pescatori qatarioti al porto di Al Khor

Solo all’inizio – questo sarà un brevissimo riassunto della storia del Qatar. La storia in sé non è chiara. Molte fonti la raccontano da punti di vista diversi ed è difficile stabilire una sola versione della storia. Dobbiamo ricordare che i qatarini discendono da famiglie beduine, che spesso non erano legate a un solo luogo. I beduini hanno vissuto per secoli sparsi per la penisola del Qatar. In queste condizioni, non è facile avere una narrazione comune. Tuttavia, vi lascio i link a tre delle più importanti fonti di conoscenza sul Qatar: il sito Visit Qatar, l‘Enciclopedia Britannica e, naturalmente, Wikipedia. Se volete approfondire l’argomento, vi auguro una piacevole lettura!

 

Per coloro che non hanno ancora letto i precedenti articoli sul Qatar su Sumfinity e sono all’inizio della conoscenza del Paese, ecco una breve introduzione. Il Qatar è un Paese dell’Asia occidentale che occupa una piccola penisola chiamata “Qatar” sulla costa nord-orientale della Penisola Arabica. Confina con l’Arabia Saudita a sud, l’Iraq a nord e il Golfo Persico a est. Uno stretto nel Golfo Persico separa il Qatar dal Bahrein.

 

Anche se sembra che il Qatar sia relativamente giovane, in realtà la storia del Paese risale a tempi antichi. Il Qatar, e alcune parti dell’Arabia Saudita, erano già state colonizzate dall’uomo circa 50.000 anni fa. Lo confermano gli scavi archeologici: numerosi accampamenti e utensili dell’Età della Pietra. La Mesopotamia fu la prima civiltà ad essere presente nell’area durante il Neolitico.

 

La storia dell’area può essere suddivisa in tre epoche distinte: l’era preislamica (prima del 700 d.C.), l’era islamica (dopo il 700 d.C.) e l’era moderna (dopo il 1800).

 

Epoca pre-islamica

 

La prima era è già stata menzionata: l’occupazione umana del Qatar risale a 50.000 anni fa. La penisola del Qatar è stata anche la culla della cultura dell’Età del Bronzo, datata approssimativamente tra il 3000 a.C. e il 2200 a.C.. Durante questo periodo e fino a circa il 3000 a.C., era un importante centro commerciale dove si scambiavano merci con prodotti artigianali. Alcuni degli scavi più significativi di questo periodo si trovano nell’area di Al Khor.

Moschea di Al Thakhira presso Al Khor; Qatar
Moschea di Al Thakhira presso Al Khor; Qatar

 

Durante il primo periodo di insediamento, la penisola fu il centro di diversi imperi, tra cui i Seleucidi, i Parti e i Sassanidi.

 

 

 

Periodo islamico

 

Nel 628 d.C. Mundhir bin Sawa Al Tamimi, il sovrano cristiano della regione di Al Hasa della penisola del Qatar, abbracciò l’Islam. Con questo evento ebbe inizio l’islamizzazione delle tribù locali.

 

Tuttavia, a parte alcune trasmissioni e reliquie, sappiamo poco di questo periodo dello sviluppo del Qatar. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che solo poche tribù abitavano la penisola. Ciò che si sa, tuttavia, è che a partire dall’VIII secolo la zona divenne un importante centro per il commercio di perle e cammelli.

 

Una svolta importante per la Penisola del Qatar si ebbe durante il Medioevo e poi il Rinascimento in Europa. E ciò fu dovuto in gran parte all’arrivo di visitatori europei.

Nel 1507, i portoghesi ottennero il controllo di sei città costiere sulla costa occidentale dell’India (tra cui Kutch) e stabilirono rotte commerciali con Malacca. Costruirono forti in località vicine come Diu (1531), Daman (1555), Agra (1556) e Bombay (1662). La Compagnia britannica delle Indie orientali seguì l’esempio, stabilendo qui una stazione commerciale nel 1608. Entrambe le nazioni hanno avuto un impatto significativo sull’economia e sulla cultura del Qatar.

Museo di Arte Islamica (MIA) di notte - Doha, Qatar
Probabilmente l’edificio più iconico di Doha, in Qatar: il Museo di Arte Islamica (MIA), visto dal lato del porto.

Nel 1515 (921 AH), Manuel I del Portogallo guidò un’invasione di città e villaggi del Qatar con una forza di 1.800 uomini. Le forze portoghesi riuscirono a conquistare l’intera costa del Qatar, compresa la capitale del Paese, Doha. Tuttavia, i portoghesi non furono gli unici a tentare di conquistare il Qatar. Nel XVI secolo ci fu una forte rivalità tra portoghesi e ottomani, con un particolare interesse per la regione del Bahrein, che i portoghesi occuparono dal 1521 al 1602. Gli Ottomani riconquistarono l’area, ma alla fine, nel 1570, uno sceicco della tribù Banu Khalid li spinse fuori da Al Hasa.

 

L’era moderna del Qatar

 

Questa, tuttavia, non è l’intera storia delle tese relazioni tra Qatar e Ottomani. Le truppe ottomane, che occupavano la vicina provincia di Al-Ḥasā in Arabia Saudita, occuparono il Qatar nel 1871. Il Qatar si liberò dall’occupazione ottomana solo dopo la riconquista di Al-Ḥasā da parte dei Sauditi nel 1913. In quel periodo, la Gran Bretagna entrò nel palcoscenico della storia. Gli inglesi, nel 1916, firmarono un trattato con il leader del Qatar che dava loro il controllo sulla politica estera del Paese in cambio della protezione britannica.

Qanat Quartier a "The Pearl" con vista su Lusail - Doha o Venezia? Qatar
La piccola Venezia in un moderno quartiere della “Perla”. Facciate italiane, ponte di Rialto, canali d’acqua: tutto questo si trova nel Qanat Quartier.

Nel 1971 il Qatar ottenne l’indipendenza dagli inglesi sotto la guida dello sceicco Khalifa bin Hamad bin Abdullah Al Thani e divenne un emirato autonomo all’interno del nuovo Stato del Qatar. Nel 1986, il Qatar è diventato membro a pieno titolo della Lega Araba.

 

Governo e popolazione del Qatar

Oggi il Qatar è uno Stato sovrano. La famiglia Thani governa il Qatar da quando Mohammed bin Thani firmò un trattato con gli inglesi, che riconosceva lo status separato dell’area. Il Qatar è una monarchia costituzionale, con l’emiro come capo di Stato e di governo. Nel 2003 si è tenuto un referendum che ha approvato la costituzione con il 98% dei voti. L’emiro nomina il primo ministro all’interno della famiglia regnante. L’emiro, che governa dal 1995, è Hamad bin Khalifa Al Thani. Il primo ministro è Abdullah bin Nasser bin Khalifa Al Thani.

 

Cammelli nel centro di Doha; Qatar
Sì, è possibile trovare cammelli in Qatar e persino a Doha. Qui i cammellieri si sono esercitati davanti al palazzo del governo.

 

La popolazione del Qatar è stata stimata a 2.043.693 al 31 luglio 2017, secondo il Dipartimento del Censimento del Ministero della Pianificazione dello Sviluppo e delle Statistiche (MDPS). È interessante notare che solo 313.000 persone sono originarie del Qatar. La restante popolazione del Qatar è arrivata sul posto per motivi economici.

 

L’economia del Qatar

 

Nel 1961, il Qatar si è unito agli Emirati Arabi Uniti per formare il Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG). Nel 2001, il Qatar si è unito agli altri membri dell’OPEC, l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio. Secondo alcune fonti, il Qatar esporta il maggior numero di gas naturale liquefatto rispetto ad altri Paesi.

Msheireb Centrum Doha foto giornaliera; Qatar
Nuovo centro città – Msheireb Centrum Doha

L’economia del Qatar è cresciuta rapidamente negli ultimi anni grazie soprattutto alle sue riserve di gas naturale, che rappresentano circa l’80% dei suoi ricavi da esportazione. Tuttavia, il Paese è stato in grado di diversificarsi in altri settori grazie agli investimenti stranieri. Tra questi figurano partecipazioni in aziende famose come Volkswagen AG (OTC:VLKAY), HSBC Holdings PLC (LON:HSBA), Barclays PLC (LON:BARC), Credit Suisse Group AG (SIX:CSGN), Glencore International PLC (OTC:GLNCY) ed Électricité de France SA (EPA:EDF). La famiglia regnante del Qatar è anche uno dei maggiori proprietari terrieri del Regno Unito e ha contribuito in modo significativo all’Empire State Building.

 

Nel 2013 la rivista Forbes ha classificato il Qatar come il Paese con il PIL pro capite più alto del mondo, con 129.000 dollari a persona (23 miliardi di dollari di popolazione totale).

Inoltre, il Qatar è stato descritto da alcune fonti come uno dei Paesi più ricchi al mondo per abitante – ha più di 250 miliardi di dollari in attività liquide disponibili per gli investimenti. Inoltre, il Qatar si è classificato al primo posto nella lista dei miliardari di Forbs per il 2018 (con 25 miliardari).

 

È possibile percepire la prosperità del Paese osservando i dettagli. Per esempio, sapevate che l’acqua, l’elettricità e le telefonate in Qatar sono gratuite per i qatarini? Anche il carburante costa quasi un centesimo. Con Nico ci siamo stropicciati gli occhi più volte guardando i prezzi alla stazione di servizio. Tuttavia, ci sono anche degli aspetti negativi nel vivere nel deserto. Il 90% dei prodotti alimentari viene importato in Qatar da altri Paesi e per questo motivo è costoso. E sebbene il governo stia lavorando per creare aziende agricole efficienti, il compito non è facile né economico. Stiamo pur sempre parlando di un Paese immerso nel deserto.

 

Da dove viene l’acqua in Qatar?

 

Ciò che ci ha stupito è il modo in cui il Qatar ottiene la sua acqua – stiamo ancora parlando di un Paese immerso nel deserto (letteralmente). Si stima che il Qatar riceva solo 82 mm di acqua all’anno. Un tempo i beduini filtravano l’acqua del mare o quella dei pozzi attraverso un pezzo di stoffa. Un processo che richiede molto tempo. E un metodo poco utile se si pensa all’allevamento di animali e alla coltivazione di prodotti alimentari. Così, nel 1953, è stato messo in funzione il primo impianto di desalinizzazione a Doha. All’inizio l’acqua veniva consegnata alle case con i camion, finché non furono costruite infrastrutture idriche professionali.

Qatar - Coppa del Mondo 2022; FIFA 2022
Il monumento del conto alla rovescia per la FIFA Wold Cup 2022 con lo skyline di Doha sullo sfondo.

Oggi, il 99% dell’acqua nelle case proviene dalla destalinizzazione. Il problema di questa estrazione dell’acqua è che richiede molta energia. Tuttavia, poiché il Qatar si trova su giacimenti di gas e petrolio, il problema non è tanto finanziario quanto ecologico. La questione ecologica è legata alla formazione di soluzione salina dopo la desalinizzazione, che causa gravi problemi ambientali. Come risolvere queste sfide, soprattutto se la popolazione del Qatar è in crescita? La risposta potrebbe non essere facile.

 

I beduini e la loro cultura

 

Quando si viaggia in Qatar, è essenziale conoscere la storia e la cultura di questo incredibile Paese. I beduini sono gli abitanti originari del Qatar e sono noti per la loro ospitalità.

La loro generosità è leggendaria: si dice che quando visiterete il Qatar come ospiti, vi offriranno tutto ciò che hanno, compresi cibo e riparo. Se la vostra auto si rompe sul ciglio della strada, non preoccupatevi: se uno dei beduini la vede, sicuramente verrà ad aiutarvi a ripararla mentre condividete storie davanti a una tazza di tè o caffè (o entrambi).

 

Tradizionalmente, i beduini erano pastori nomadi di pecore, capre e bovini. Di solito commerciavano con altre tribù per ottenere carne, prodotti caseari e lana. I beduini vivevano in tende tessute con peli di animali. Queste tende sono chiamate bayt al sha’ar. Secoli fa, i beduini commerciavano in cammelli. Tuttavia, tenevano anche questi animali per il trasporto, il latte e talvolta la carne.

 

Un capo, lo sceicco, governava i beduini. Il potere veniva ereditato di padre in figlio. Alle donne e agli uomini delle famiglie beduine erano assegnati i ruoli tradizionali. Gli uomini si occupavano degli animali più grandi, del commercio e della difesa della tribù. Inoltre, questi uomini erano anche cacciatori – cacciavano gli animali con l’aiuto di falchi addomesticati. Le donne si occupavano della casa, della cucina e dell’educazione dei bambini. Inoltre, realizzavano splendidi tessuti e cucivano abiti.

 

I beduini hanno anche la reputazione di essere coraggiosi e avventurosi; nel corso della storia, hanno combattuto senza paura contro gli invasori, onorando tradizioni come l’ospitalità sopra ogni altra cosa, anche in tempi in cui non era sicuro o pratico farlo.

 

La religione del Qatar

Moschea di Al Thakhira presso Al Khor; Qatar
Moschea di Al Thakhira presso Al Khor; Qatar

L’Islam è la religione dominante e i qatarini sono principalmente musulmani sunniti. In Qatar si sente il canto della preghiera cinque volte al giorno. Ogni volta che abbiamo sentito quella voce penetrante provenire dalle moschee vicine, ci sono venuti i brividi lungo la schiena. C’è qualcosa di così commovente e quasi antico in questo canto che sembra che l’aria ne vibri. I qatarini pregano all’alba, a mezzogiorno, a metà pomeriggio, al tramonto e alla sera. Quando pregano, tradizionalmente si rivolgono verso la Mecca (nota anche come Makkah) in Arabia Saudita.

 

Alcuni di voi avranno sentito parlare del Ramadan. Durante il Ramadan (il nono mese dell’anno lunare), i musulmani digiunano ogni giorno dall’alba al tramonto. Questo è considerato un momento cruciale per la riflessione spirituale, che aiuta a rafforzare i legami sociali tra le persone che digiunano insieme. Durante questo periodo, molte persone consumano un pasto abbondante chiamato Iftar (che significa rottura del digiuno) prima del tramonto. Dopo il tramonto dell’Eid al-Fitr (la fine del Ramadan), i qatarini festeggiano nelle riunioni di famiglia, dove si scambiano regali con amici e vicini. È anche comune sacrificare animali, che vengono tradizionalmente mangiati dopo Eid al-Adha.

 

Codice di abbigliamento in Qatar

 

I qatarini sono molto modesti quando si tratta di vestirsi. Ufficialmente, gli uomini indossano lunghe tuniche bianche e le donne abiti neri che nascondono il corpo e il viso in pubblico. I qatarini amano il loro abbigliamento tradizionale, ma sono anche aperti ai cambiamenti e alle nuove tendenze provenienti dall’estero. Se non sono in luoghi pubblici, le donne possono vestirsi in modo moderno, anche se con dignità. Il codice di abbigliamento per le donne è conservatore e modesto, mentre gli uomini devono indossare pantaloni lunghi o jeans con camicie che coprano sempre le spalle e le braccia.

Alcuni dei marchi più popolari in Qatar sono Al-Zaytoon, Mango e Zara. Il Qatar è un Paese piccolo, quindi è facile trovare a Doha negozi che vendono abiti da tutto il mondo. I centri commerciali di Doha non differiscono per aspetto e tipologia di negozi da altri grandi magazzini occidentali. Inoltre, vi si trova anche la nota galleria La Fayette! Tuttavia, se volete acquistare abiti tradizionali del Qatar, le migliori offerte vi aspettano al mercato Souq Waqif (su consiglio della nostra guida).

Galleria Lafayette nel Villaggio del Patrimonio di Doha
Galleria Lafayette nel Villaggio del Patrimonio di Doha “Katara”

Se posso consigliare qualcosa, è di usare moderazione nel proprio abbigliamento. E sì, Nico ama i suoi pantaloncini e io i miei vestiti estivi, ma nel complesso ci siamo accontentati di indossare abiti che coprissero il nostro corpo. Primo: Il Qatar è per lo più desertico e un corpo nudo può essere rapidamente bruciato dal sole intenso. Secondo (molto importante) coprire i propri beni (;-)) nei luoghi pubblici è un segno di rispetto per l’ospite. Nel complesso, il Qatar è un Paese molto, molto sicuro, ma attirare l’attenzione sul proprio abbigliamento può essere un’esperienza spiacevole.

 

Il cibo in Qatar

 

Ultimo ma non meno importante! Probabilmente la mia parte preferita dell’articolo. Il cibo in Qatar è una parte importante della cultura, e lo noterete subito. Il cibo è molto speziato e ricco di sapori, il che lo rende interessante per le persone che amano il cibo un po’ più piccante.

 

Il pasto in Qatar è considerato un momento importante della giornata, soprattutto quando si hanno ospiti in casa o quando i membri della famiglia si riuniscono. È meglio non affrettare i tempi del pasto, perché se lo si fa, si è considerati maleducati secondo gli standard del Qatar. I piatti principali più comuni sono: riso con pollo o agnello; lenticchie e carne con riso; pesce al vapore (di solito cernia), pesce alla griglia o shish taouk (kebab di pollo marinato).

Cenare in Qatar

Quello che abbiamo notato a Doha e fuori dalla capitale qatariota è stata la varietà dei ristoranti e del cibo offerto. Poiché il Qatar è popolato da molti immigrati, la tipologia dei ristoranti riflette questa diversità. In Qatar abbiamo provato l’autentica cucina palestinese, la cucina yemenita (il pasto viene consumato con le mani seduti a terra), la cucina indiana (probabilmente il miglior pasto indiano che abbiamo mai mangiato), la cucina iraniana e così via. Il numero di ristoranti e la loro varietà sono davvero sbalorditivi. E oltre ai tipici piatti a base di carne, riuscivo sempre a trovare qualche opzione vegetariana (non sapevo nemmeno che esistessero così tanti tipi di hummus!). In conclusione, probabilmente ricorderemo l’esperienza culinaria in Qatar per il resto della nostra vita.

 

Se vi trovate a Doha, non mancate di visitare il Souq Waqif. È qui che i qatarini fanno shopping. Qui si trovano negozi con un’incredibile varietà di dolci locali, datteri e spezie. Dopo aver fatto acquisti in questo mercato tradizionale, la nostra valigia si è improvvisamente riempita di vari datteri e rose del Qatar che, aggiunte al tè, lo rendono meravigliosamente aromatico.

Mercato tradizionale di Souq Waqif - Doha; Qatar
Mercato tradizionale di Souq Waqif

 

Bevande e alcolici in Qatar

 

I tipi di bevande servite durante i pasti possono variare a seconda del luogo in cui si mangia (ad esempio, se si tratta di un fast food o di un ristorante con servizio). Le bevande analcoliche come la Coca-Cola o la Fanta sono solitamente disponibili in tutti i ristoranti.

 

In Qatar non si consuma alcol. Per noi questo non è stato un problema significativo. Al contrario, è stato davvero piacevole osservare come le persone festeggiano il venerdì, come possono ballare e divertirsi senza alcol. Forse è anche per questo che mi sono sentita più sicura per le strade di Doha dopo il tramonto che in molte città europee. La sera la città era piena di folle di persone che ridevano e non c’erano aggressioni o comportamenti insensati.

Conclusione

Essere in Qatar è stato come visitare un mondo diverso. Un mondo in cui la cultura del Paese non è ancora stata diluita dalla globalizzazione onnipresente. I principi sociali e la costruzione dei valori non si riferiscono solo alla religione musulmana, ma anche alla secolare e affascinante tradizione beduina. Certo, alcune cose possono sembrare un po’ diverse dalla cultura occidentale, ma se le si accetta così come sono, ci si può davvero ritrovare in una vecchia fiaba araba. Ho sentito in un documentario della Deutsche Welle che visitare il Souq Waqif è l’esperienza più vicina a quella di ritrovarsi in un “Racconto delle 1001 notti”. A mio parere, immergersi nell’intera cultura qatariota è come fare un salto dalla realtà delle antiche fiabe arabe e da una realtà futuristica allo stesso tempo. Non abbiamo vissuto questo tipo di esperienza prima di aver visitato il Qatar.

 

 

Nico Trinkhaus

Nico Trinkhaus

Nico Trinkhaus is the mind-blind photographer, using cameras to create visions and memories that otherwise would be lost to him.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *