Search
Close this search box.

Monti Anaga di Tenerife

Indice

I Monti Anaga ci hanno fatto sentire come se fossimo nel mezzo della foresta di Cappuccetto Rosso dei Grimm, grazie alle forme degli alberi della Foresta dell’Alloro. Un’altra volta, ci siamo trovati in un piccolo villaggio isolato che si estendeva sui pendii di montagne sempreverdi e sembrava quasi un’antica civiltà Maya.

È successo subito dopo che siamo stati circondati da gocce d’acqua che si sono sollevate dalle forti onde dell’Oceano Atlantico, colpendo le gigantesche rocce della costa settentrionale dell’isola. E tutto questo dopo aver visto una piccola parte di questa catena montuosa.

Monti Anaga – camminare tra le nuvole

Godetevi l'incredibile bellezza della foresta nuvolosa dei Monti Anaga a Tenerife, in Spagna.
Foresta di nuvole sui Monti Anaga a Tenerife

 

Avete mai sognato di trovarvi in una foresta di nuvole? Come nei film, quando all’improvviso una giungla si copre di nebbia e l’eroe osserva ogni ombra tra gli alberi? Abbiamo sempre pensato che si dovesse viaggiare almeno fino al Sud America per trovare questo tipo di foresta. Ci ha sorpreso scoprire che la nostra passeggiata di poche ore sui Monti Anaga, a nord di Tenerife, sarebbe stata una passeggiata tra le nuvole, che scompaiono e riappaiono con una piccola folata di vento.

 

Abbiamo pianificato il viaggio sui Monti Anaga per un po’, facendo ricerche sui sentieri e sui luoghi che avremmo potuto visitare. L’inverno non è il periodo migliore per camminare lassù senza una solida conoscenza dei sentieri che potrebbero essere fangosi e ripidi. Ispirati dalle immagini della Laurel Forest, che sembra la foresta di Cappuccetto Rosso dei Grimm, abbiamo trovato un sentiero che ci avrebbe portato all’interno di questa favola.

 

L’area di Anaga fa parte della Rete mondiale delle riserve della biosfera dell’UNESCO. L’area è stata formata da un’eruzione vulcanica 7-9 milioni di anni fa. La particolarità di questo luogo è la foresta di alloro che si è evoluta milioni di anni fa nel supercontinente di Gondwan, e di cui sono rimasti solo pochi luoghi come questo al mondo. Oggi questo luogo ospita diversi animali e piante endemiche.

Una foto del viaggio sui Monti Anaga a Tenerife, in Spagna. Godetevi la bellezza della natura in una delle sette isole Canarie.
View from the road in the Anaga Mountains

 

Le strade per le auto sono eccezionali, così come la storia. Il divertimento inizia quando si imboccano i sentieri a piedi e si scalano le montagne. I Monti Anaga raggiungono i 600 metri sul livello del mare nei punti più alti, quindi abbiamo pensato che non fosse una grande sfida camminare per qualche ora, anche quando le condizioni meteorologiche non sono ottimali. Abbiamo trovato alcuni itinerari a piedi su un’app ed eravamo ben equipaggiati con scarpe da trekking e giacche da pioggia.

 

Siamo partiti da un luogo chiamato Vega de la Mercedes che, all’inizio, sembrava essere una qualsiasi foresta europea. Tuttavia, più il sentiero ci portava in profondità tra le montagne, più gli alberi dalle forme fantastiche apparivano davanti ai nostri occhi. I tronchi curvi e i rami ricadenti davano l’impressione di essere millenari. A un certo punto ci siamo accorti di essere circondati dalla nebbia, dopo aver sentito il vento tra le chiome degli alberi ed essere stati alla luce del sole. Non era nebbia: stavamo camminando tra le nuvole! Nico era così affascinato da questa rivelazione naturale che abbiamo passato quasi un’ora a scattare foto di sentieri che apparivano e scomparivano tra le nuvole.

escursioni sui Monti Anaga in una giornata di sole
Daria e Nico mentre si riposano durante un’escursione

 

Ogni ora scoprivamo nuovi tipi di foreste, nuovi panorami sulle montagne e nuove piante. Tuttavia, avevamo una carica di adrenalina non solo per la natura, ma anche per alcuni incidenti di percorso. Camminare o salire su sentieri ripidi è a volte difficile, se il terreno è costantemente bagnato.

A un certo punto, abbiamo avuto la “brillante” idea di accorciare la strada fino alla città, dove abbiamo lasciato l’auto e preso una scorciatoia, suggerita dalla nostra app. Non ricordavamo di aver mai camminato su un pendio più ripido di questo: abbiamo dovuto scendere usando le gambe e le mani. Alla fine, siamo finiti entrambi a scivolare giù con il nostro pesante zaino fotografico addosso. Fortunatamente siamo riusciti a fermarci prima del precipizio e nulla dell’attrezzatura di Nico è stato danneggiato. Lo sguardo verso il basso ci ha convinto a risalire e a prendere un sentiero piuttosto lungo, ma molto più sicuro.

 

Abbiamo dovuto ridere di noi stessi quando abbiamo raggiunto il paese in fondo. Sembravamo usciti da un bagno di fango. Ma quel che è peggio è che stavamo morendo di fame dopo ore di cammino. Così, alla fine, siamo dovuti andare in un ristorante in questo posto e non avevamo un aspetto troppo… rappresentativo. Nonostante i sentieri insidiosi, la bellezza e la diversità naturale di questo luogo ci hanno talmente esaltato che abbiamo deciso di tornarci ancora e ancora – almeno quando andremo in pensione.

 

Benijo/La Roca e la città di Taganana

Spiaggia di Benijo, Tenerife - giornata sulla sabbia nera osservando le onde dell'oceano.
Spiaggia di Benijo, Tenerife

 

Un altro giorno abbiamo avuto la tentazione di scoprire la parte settentrionale dei Monti Anaga. Daria voleva visitare un luogo in particolare, chiamato “Taganana”. Assomiglia un po’ a una città della civiltà Maya immersa in montagne sempreverdi. I muri colorati delle case squadrate contrastavano fortemente con il verde intenso e il grigio delle montagne.

Non era solo un’impressione di luogo isolato: era difficile da raggiungere. Per vedere questo villaggio, abbiamo dovuto percorrere una strada quasi tutta di montagna, così curva che a volte girava a destra o a sinistra di 180 gradi, un paio di volte in pochi chilometri. Ma ne è valsa la pena. La calma e la maestosità di questo luogo ci hanno disteso i nervi dopo questo folle saliscendi.

 

Quasi dietro questo villaggio si trovavano la spiaggia di Benijo e La Roca. Il luogo che Nico ha sognato nella sua visione fotografica. È la costa settentrionale di Tenerife. Le pendici delle montagne finiscono improvvisamente lì e dominano la spiaggia di sabbia nera (resti di vulcani). Tuttavia, ciò che ci ha affascinato di più sono state le rocce giganti che sono emerse dall’oceano davanti ai nostri occhi, una volta scese le scale dalla collina alla riva.

Le enormi onde si infrangevano contro di esse, lasciando perle d’acqua nell’aria. Dovevamo gridare per sentirci a causa del rumore e non riuscivamo a immaginare come si potesse nuotare qui… Tuttavia, per Nico è stato un paradiso della fotografia e una nuova sfida, dato che non aveva mai fatto tante foto da una costa così rocciosa, dove l’acqua schizzava davanti all’obiettivo.

Isole Canarie - Taganana a Tenerife, Spagna.
Taganana

I monti Anaga sono stati uno dei motivi per cui ci siamo innamorati di Tenerrife. Una natura così selvaggia e antica, unita alla vista di villaggi panoramici che ricordano le antiche culture sudamericane, ci ha tolto il fiato ogni pochi chilometri percorsi in auto o a piedi. Le strade delle montagne di Anaga ci hanno causato a volte un po’ di vertigini, ma sono state anche un’avventura. Tuttavia, ciò che ci ha colpito di più è stata la sensazione di calma, di vicinanza alla natura e alle sue origini.

Nico Trinkhaus

Nico Trinkhaus

Nico Trinkhaus is the mind-blind photographer, using cameras to create visions and memories that otherwise would be lost to him.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *