Cracovia

Indice

Cracovia, in Polonia, è la seconda città più popolosa del paese. La città è un polo economico, noto per le sue fiorenti aziende di tecnologia e servizi finanziari.

Tuttavia, è probabilmente conosciuta soprattutto per la sua splendida Città Vecchia medievale e il suo quartiere ebraico, che nel 1978 sono diventati insieme uno dei primi siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Ovviamente sarebbe difficile parlare del quartiere ebraico della città senza considerare per un attimo il ghetto di Cracovia. È il luogo in cui molti ebrei furono costretti a vivere durante l’occupazione nazista prima di essere trasportati in luoghi tristemente famosi come Auschwitz.

Dato che Cracovia e la Polonia nel suo complesso hanno un passato così importante, non sorprende che molti visitatori siano attratti dal centro storico della città. Quali attrazioni ha in serbo per la generazione di visitatori di oggi e per coloro che vogliono rivisitare una città molto amata in forma pittorica?

Continua a leggere per scoprire cosa abbiamo scoperto durante il nostro viaggio a Cracovia.

Basilica di Santa Maria

Basilica di Santa Maria a Cracovia, Polonia
La Basilica di Santa Maria a Cracovia, Polonia

Situata in Plac Mariacki, la Basilica di Santa Maria di Cracovia si trova proprio di fronte a un altro luogo di culto architettonico: la Chiesa di Santa Barbara. Ci sono numerosi ristoranti e caffè che si affacciano su questa chiesa gotica in mattoni e la zona è solitamente molto animata. È stato un bene che siamo arrivati presto per fotografare la basilica in tutto il suo splendore prima che la piazza iniziasse a riempirsi.

Pala d'altare di Veit Stoss nella Basilica di Santa Maria a Cracovia. Foto HDR all'interno della chiesa
Pala d’altare di Veit Stoss nella Basilica di Santa Maria a Cracovia.

La pala d’altare della basilica, scolpita dal famoso artista tedesco Veit Stoss, è qualcosa da vedere ancora oggi. Mette in risalto lo stile del primo Rinascimento nordeuropeo in un modo che poche altre opere d’arte possono fare, anche in ambito religioso. Tuttavia, volevamo immortalare la straordinaria architettura della basilica. A differenza di molte strutture gotiche in mattoni, la Basilica di Santa Maria di Cracovia ha due torri di altezza disuguale. Anche solo per questo motivo, riteniamo che sia un soggetto straordinario per qualsiasi fotografo.

Chiunque pensi di visitare il centro di Cracovia deve sapere che queste torri sono ancora in uso oggi. Invece di suonare le campane delle case ogni ora, come avviene in gran parte dell’Europa meridionale e occidentale, i trombettieri suonano una melodia di cinque note di importanza storica per tutti i polacchi. Questa melodia viene ripetuta in quattro direzioni dalle finestre della torre più alta in ricordo di un musicista che nel XIII secolo lanciò l’allarme di un imminente attacco dell’esercito mongolo alla città.

La Basilica di Santa Maria fu consacrata nel 1320, ma gran parte degli interni della chiesa risale al XVIII secolo, quando era in voga lo stile barocco. Nel corso degli ultimi 30 anni, è stata ampiamente ristrutturata e si può notare quanto sia rinnovata per una struttura che ha superato i mille anni di utilizzo continuo. Puoi vedere anche il nuovo tetto, una parte dell’edificio che è stata interamente sostituita nel 2003.

Il Castello Reale – Wawel a Cracovia

Il castello di Wawel a Cracovia, in Polonia, all'alba
Castello di Wawel a Cracovia, Polonia (vista dall’altra parte del fiume Vistola)

Dirigendosi verso sud sulla Rynek Glowny e poi sulla Grodzka, ci vogliono solo pochi minuti a piedi dalla Basilica di Santa Maria al Castello di Wawel. L’ex residenza reale fu costruita dal re Casimiro III il Grande che governò la Polonia dal 1333 fino alla sua morte nel 1370. L’ultimo monarca della dinastia Piast, Casimiro III, voleva una roccaforte e un luogo dove tenere la sua corte a Cracovia. Per gran parte del periodo medievale, il castello servì anche come luogo di riunione dell’assemblea del paese.

Guardando il Castello di Wawel oggi, si può chiaramente vedere che si tratta di una miscela di stili architettonici. Sebbene gran parte della struttura iniziale sia in stile romanico, si notano anche tocchi di gotico qua e là. Quando è illuminata, come lo era quando l’abbiamo fotografata, le fortificazioni successive sono probabilmente le caratteristiche più evidenti. Molte di queste aggiunte sono avvenute dopo la cosiddetta Terza Spartizione della Polonia nel 1795, periodo in cui Cracovia passò sotto il dominio diretto degli imperatori austro-ungarici.

All’interno del castello, tuttavia, potrai notare anche gli stili rinascimentali italiani. I portici a gradoni del cortile principale del castello sono un buon esempio. Risalenti al XVI secolo, assomigliano più a Venezia o a Firenze che all’interno di una struttura fortificata nel cuore dell’Europa orientale.

Una delle cose più belle del Castello di Wawel è che è molto amato dai polacchi. Sì, è un sito turistico molto visitato, ma sembra che i polacchi comuni lo trovino affascinante quanto i viaggiatori d’oltreoceano. Per alcuni è addirittura un luogo di pellegrinaggio. E con una vista così imponente sulla Vistola, è facile capire perché.

La Sala delle Stoffe di Cracovia (Sukiennice) e la Piazza del Mercato

Piazza principale di Cracovia (Rynek Główny). Foto HDR di Sukiennice e del Monumento ad Adam Mickiewicz
La Sala delle Stoffe di Sukiennice e il Monumento ad Adam Mickiewicz a Cracovia, Polonia

Dal Castello Reale di Wawel alla piazza principale, puoi tornare sui tuoi passi in direzione della basilica, ma attraversare il Parco Graznya e riprendere la Wislna offre una passeggiata più piacevole, soprattutto se il tempo è bello. Questo significa entrare nella principale piazza del mercato di Cracovia dall’angolo sud-occidentale, non lontano dal punto in cui abbiamo fotografato uno degli elementi più sorprendenti della piazza, la Cloth Hall, o Sukiennice come viene chiamata dai polacchi.

Il Sukiennice è forse l’edificio più iconico della Città Vecchia. Risale al XV secolo, quando la reputazione di Cracovia come città commerciale era al suo apice. Puoi quasi immaginare le sete, le pelli e gli altri tessuti che venivano scambiati qui, spesso in cambio di alcune delle principali esportazioni della regione, il sale e il piombo. La facciata dell’edificio è disseminata di arcate che arrivano a un punto modesto in un uso sottile dello stile gotico.

L’imponente monumento che puoi vedere di fronte a Sukiennice è in ricordo di Adam Mickiewicz. Inaugurato nel 1898, commemora la vita e le opere di uno dei poeti, drammaturghi e attivisti politici più amati della Polonia. Sebbene sia meglio visitare il monumento e la Sala dei Panni nelle prime ore del giorno, prima che la piazza del mercato si riempia di turisti e acquirenti, il Museo di Sukiennice merita una visita a sé stante. È aperto dalle 10 del mattino per la maggior parte dei giorni della settimana.

Il Museo di Sukiennice ospita un’impressionante collezione di arte polacca. Gran parte di essa proviene dal XIX secolo ed è disposta in varie sale a tema. Il museo si trova al piano superiore della Cloth Hall.

Cattedrale di Wawel

Cattedrale di Wawel a Cracovia (Katedra Wawelska)
Cattedrale di Wawel a Cracovia, Polonia

Infine, volevamo sottolineare quanto possa essere affascinante Cracovia. A volte sono le piccole cose che si notano a fare la differenza quando si visita un luogo per la prima volta e cosa c’è di più accattivante dell’accurato modello del complesso del Castello di Wawel che si trova nel parco della cattedrale di Wawel? Situata sulla collina di Wawel, la terza versione della cattedrale fu completata nel XIV secolo. È l’ultima dimora di molti monarchi polacchi e di alcuni poeti nazionali.

La cattedrale è importante nella cultura polacca per molte ragioni, in particolare perché è stata il luogo di incoronazione di molti re nel corso dei secoli. C’è un altare dorato estremamente impressionante e anche il resto dell’interno è altamente decorativo. Anche vista dall’esterno, tuttavia, la cattedrale è splendida e vale la pena di visitarla anche se non hai intenzione di entrarci.

Allora, cosa ne pensi? Sei pronto ad esplorare Cracovia? Se sei pronto a partire, assicurati di visitare anche la vicina Miniera di Sale di Wieliczka. Un altro sito Patrimonio dell’Umanità da non perdere!

Picture of Nico Trinkhaus

Nico Trinkhaus

Nico Trinkhaus is the mind-blind photographer, using cameras to create visions and memories that otherwise would be lost to him.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *