Nicosia

Indice

È difficile scrivere di Cipro senza scatenare emozioni o reazioni polarizzate da parte di molti europei, soprattutto ciprioti. La capitale, Nicosia, è ancora oggi divisa tra greci e turchi ciprioti e non sembra che le due parti possano riunirsi a breve.

Nico, da berlinese, era affascinato dalla possibilità che le città dell’Unione Europea potessero essere divise come lo era Berlino.

Per questo motivo, Nicosia doveva essere in cima alla nostra lista di visite e fotografie di tutte le capitali europee. Volevamo scoprire la storia della città e farci un’idea di cosa significhi vivere in un luogo diviso da un muro.

Nicosia – Una capitale divisa

Panorama di Nicosia a Cipro ripreso dal Museo e Osservatorio Shacolas.
Panorama di Nicosia

Siamo atterrati nella parte meridionale della città quasi di notte. Abbiamo prenotato in anticipo un appartamento e il trasporto dall’aeroporto alla città. Al momento della prenotazione, abbiamo potuto specificare gli argomenti in cui volevamo che il nostro autista fosse specializzato, come la cucina, le visite turistiche, la storia, ecc. – Non scherziamo.

La signora che ci ha accolto si è rivelata una ricca fonte di informazioni e una buona prima guida alla cultura cipriota. Durante il tragitto verso la città, ci ha spiegato cosa cucinano e mangiano i ciprioti e cosa fanno per rilassarsi. Tuttavia, l’argomento cambiò quando ci avvicinammo alla città e la vista della bandiera turca fatta di luci su una delle colline si dispiegò davanti ai nostri occhi. La signora sembrava un po’ disturbata dalla vista e mi ha spiegato che i turchi fanno così per prendere in giro i greco-ciprioti.

Abbiamo pensato di chiedere come ci si sente ad attraversare il confine di Nicosia per raggiungere la parte settentrionale della città. Ci ha spiegato che non era un problema, avevamo solo bisogno dei nostri passaporti. Le abbiamo chiesto se molte persone passano il confine e ci ha risposto che molti turisti lo fanno. Le abbiamo chiesto quanto spesso lo attraversa e ci ha risposto che non lo fa quasi mai. Non sono molti i greco-ciprioti che lo fanno o che ne sentono il bisogno. Conoscevamo i fatti relativi al conflitto di Cipro, ma grazie alla nostra prima conversazione con un abitante del luogo abbiamo scoperto quanto sia difficile questo argomento, la storia è ancora in corso e le ferite non sono ancora del tutto rimarginate. Nonostante questa conoscenza, per la prima volta abbiamo commesso l’errore di chiamare la parte settentrionale di Nicosia “parte turca”, perché l’isola meridionale è considerata la “parte occupata”.

La zona sud di Nicosia

La Statua della Libertà a Nicosia, Cipro - I combattenti dell'EOKA liberano i ciprioti dal dominio britannico.
Statua della Libertà

La parte meridionale di Nicosia ha vinto i nostri ascolti fin dalla prima serata. Ispirati dal nostro autista, che ci è venuto a prendere all’aeroporto, abbiamo sentito il bisogno di provare subito qualche “Meze” (piccoli piatti a base di carne o vegetariani come insalate, carne arrosto, formaggio halloumi). Abbiamo trovato un piccolo ristorante un po’ fuori dalla via principale di Ledra. Era una tipica taverna cipriota con musica dal vivo la sera. Ci siamo divertiti molto. E per i giorni successivi abbiamo ripetuto questa esperienza di scoperta di vari luoghi di Meze.

Ledra Street nel centro di Nicosia, la capitale di Cipro.
Via Ledra a Nicosia

Nei due giorni successivi abbiamo girovagato per la parte meridionale di Nicosia. Abbiamo notato che alcune strade, soprattutto la storica Ledra Street, sono state progettate in modo intelligente: vele arancioni e gialle erano appese sulle strade per proteggere i pedoni dal sole, che deve essere molto forte nei mesi estivi. Ci è piaciuto anche passeggiare lungo le Mura Veneziane a forma di stella costruite nel 1567 dalla Repubblica di Venezia per proteggere la città dall’Impero Ottomano (la città cadde nel 1570, dopo 40 giorni di assedio). È stato interessante leggere che dopo la conquista dell’isola da parte dell’Impero Ottomano, molti turchi si trasferirono nella parte settentrionale dell’isola. I greco-ciprioti vivevano per lo più a sud dell’isola, intorno alle chiese ortodosse. Abbiamo scoperto molti di questi luoghi durante le nostre passeggiate.

Cipro passò dai governanti ottomani all’amministrazione britannica nel 1878. Da allora ci furono forti proteste da parte dei ciprioti contro il dominio britannico, che terminarono grazie ai combattenti dell’EOKA. In ricordo di questa liberazione, vicino alla città vecchia si erge un monumento alla libertà, chiamato “Monumento di Eleftheria”, che ci ha fatto rabbrividire e rimanere lì per un’ora. Non riuscivamo a smettere di fissare le pose espressive della Libertà, dei combattenti dell’EOKA e dei ciprioti che venivano liberati dalla “prigione”.

Nel 1960 Nicosia divenne la capitale della Repubblica di Cipro, ma la pace non durò a lungo. Nel 1963, i greco-ciprioti proposero un emendamento alla costituzione che i turco-ciprioti non accettarono. In seguito ci furono molti incidenti violenti e la città dovette essere condivisa. Il confine fu chiamato “Linea Verde”, a causa del colore della penna che un ufficiale delle Nazioni Unite utilizzò per tracciare una linea di cessate il fuoco su una mappa di Cipro. Nel 1974, i ciprioti greci cercarono di riunificare l’isola ma provocarono un’invasione turca nel nord. Un anno dopo, i turco-ciprioti dichiararono lo Stato Federato Turco di Cipro come il loro paese.

Cammina lungo e attraverso la “linea verde” verso Cipro Nord

Una foto dell'interno della Moschea Selimiye a Nicosia; Cipro
Moschea di Selimiye

Passeggiando per la zona meridionale di Nicosia, abbiamo visto spesso la “Linea Verde”. E ogni volta avevamo i brividi lungo la schiena. Il confine non ha lo stesso aspetto in diverse zone della città. A volte è un prato pieno di piccoli e fragili fiori gialli, circondato da abatis. A volte il confine costeggia edifici ormai in rovina. Una volta abbiamo anche visto una chiesa la cui porta posteriore confinava con il nord.

Potresti pensare che se attraversi il confine e arrivi a “Lefkoşa” (come i turchi chiamano la loro capitale), sarà completamente diversa dalla Nicosia meridionale. Ma non è così. Le persone parlano una lingua diversa, ci sono più moschee che chiese ortodosse, ma la vita scorre come nel Sud. In un parco proprio sul confine, i bambini giocavano e ridevano, come se non si accorgessero delle recinzioni. Io e Nico non ricordiamo molte frontiere così ben protette, si potrebbe dire che eravamo “i figli di Schengen”.

Abbiamo visitato una piazza del mercato, che era piena di gente e di turisti. Si poteva acquistare una borsa di Adidas o di Michael Kors per soli 20€, ma a parte questo, non c’era nulla di insolito in questo posto. Ci siamo anche goduti una lunga passeggiata nei dintorni e il caravanserraglio Büyük Han (Grande Locanda), che fu costruito nel 1572 come albergo per i viaggiatori, ma che oggi è un luogo di negozi di prodotti fatti a mano e di souvenir e ristoranti. Ciò che abbiamo trovato affascinante e che dà carattere a questo posto sono i ricami colorati che intrecciano le ringhiere e le panchine della piazza interna. Sono stati realizzati da donne greche e cipriote per mostrare il legame tra le donne del nord e del sud di Nicosia.

Il Büyük Han, situato a nord di Nicosia, a Cipro, era in origine un albergo
Büyük Han nella zona nord di Nicosia

Una certa malinconia non ci ha abbandonato per un attimo a Nicosia, ma sapevamo qual era il nostro obiettivo. Volevamo mostrare nelle nostre foto la bellezza di entrambe le parti della città, nonostante la situazione politica. Il sole del pomeriggio e del mattino è sempre lo stesso, non importa che si tratti di Ledra Street a sud o di Büyük Han a nord. Crediamo che entrambi i luoghi meritino di essere mostrati al meglio e che le due diverse culture vadano rispettate. Potrebbero essere diversi, potrebbero esserci ancora dolore e rabbia, ma la vita va avanti: i bambini giocano e sorridono, le persone vanno a lavorare e i turisti passeggiano. Non ci è stato permesso di fotografare la Linea Verde, ma forse è stato meglio così.

Picture of Daria Trinkhaus

Daria Trinkhaus

Daria Trinkhaus is a writer, who loves to discover the hidden stories behind each and every place she visits.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *