Podgorica

Indice

Un luogo che non finge di essere qualcosa, ad esempio una “metropoli occidentale cool”, per attirare i turisti. È così com’è: una capitale piccola e accogliente con cittadini cordiali e amichevoli perché è così che sono e non perché tu sei un estraneo.

E i luoghi “turistici” non sono il meglio che Podgorica può offrire. C’è una bellezza malinconica in questo luogo che puoi scoprire solo percorrendo le strade in silenzio, senza essere disturbato da gruppi di persone frettolose.

Podgorica (“sotto una piccola collina”)

Ponte del Millennio di Podgorica, Montenegro.
Ponte del Millennio a Podgorica

Quando abbiamo deciso di festeggiare il Capodanno 2017 con i nostri amici a Podgorica, la capitale del Montenegro, devo ammettere che ero un po’ scettica. Il mio primo pensiero è stato “considerando le dimensioni (220 mila abitanti), avremo finito di visitare la città in poche ore”. Il secondo pensiero (per fortuna) è stato più ottimista: “ma, in questo caso, avremo più tempo per assaggiare il vino del Montenegro”.

Quando siamo arrivati a Podgorica nel primo pomeriggio, per noi è stato un enorme cambiamento rispetto alla nostra casa di Berlino. Innanzitutto c’era il sole (è insolito vedere la luce del sole a Berlino in inverno). In secondo luogo, non c’era fretta in città. Abbiamo visto pochi passanti nelle strade accoglienti.

La maggior parte dei negozi era chiusa a quell’ora, tranne i caffè e alcuni negozi di liquori (che abbiamo visitato per acquistare alcune bevande locali). Nella piazza del mercato si stava costruendo un palco per i concerti in vista della festa di Capodanno del giorno successivo. I bambini schizzavano l’acqua che sgorgava dalla fontana e, nonostante le temperature rigide, c’erano palme verdi che spuntavano dalle strade di cemento. Dopo la frenetica Berlino, queste scene ci sono sembrate quasi accadere al rallentatore.

Panorama di Podgorica con le montagne montenegrine sullo sfondo.
Area residenziale di Podgorica

Dopo una breve passeggiata, abbiamo trovato un caffè che sembrava promettente. Anche se non c’era abbastanza spazio per un gruppo di 7 persone, i camerieri hanno spostato i tavoli per permetterci di sederci insieme: una buona prima impressione. La seconda buona impressione è stata il cibo: le porzioni erano quasi impossibili da finire in una sola seduta e tutto aveva un prezzo equo. Il bar era affollato e la TV appesa sopra il bancone trasmetteva musica balcanica moderna.

Come scoprimmo in seguito, questo tipo di musica elettronica era qualcosa di unico in questa regione. In quasi tutti i bar e i ristoranti che abbiamo attraversato, c’era almeno una TV dove si potevano vedere dei videoclip con donne bellissime, a volte seminude, che ballavano al ritmo di musica elettronica moderna, a volte mescolata a suoni folk.

Una combinazione difficile da descrivere se non la si ascolta di persona. Nonostante il mio femminismo protestasse nella mia testa (“perché le donne devono essere nude?”), c’era qualcosa di affascinante in quei suoni che ci seguivano ovunque. In nessun altro luogo ho potuto osservare una tale mancanza di musica popolare internazionale e un’attenzione particolare per le band locali.

Il monumento di Vladimir Vysotsky con il Millennium Bridge sullo sfondo a Podgorica, Montenegro.
Monumento a Vladimir Vysotsky a Podgorica

Se sei un fan della cucina balcanica e non sei vegetariano, Podgorica è un paradiso. I piatti di carne più comuni che abbiamo provato sono stati il Ćevapi, il Pljeskavica (un hamburger locale) e il Ražnjići, che puoi trovare in molti ristoranti, ma anche come cibo di strada. In pratica, tutto ciò che conteneva carne era presente nel menu. Oltre a questo, abbiamo scoperto un’altra variante del “formaggio sopra”: il Njeguški sir, ovvero il formaggio conservato nell’olio. Questi piatti si abbinavano molto bene al vino montenegrino bianco e rosso dell’uva Vranac, un’antica varietà di uva tipica di Macedonia, Serbia e Montenegro, che viene coltivata soprattutto in Montenegro, nelle regioni intorno a Podgorica.

Abbiamo avuto due giorni per girare a piedi. Il cielo azzurro e limpido ci ha permesso di vedere la collina Gorica che domina la città (da cui la città prende il nome). Puoi trarre le tue conclusioni sul nome del Montenegro (“montagna nera”), dato che la capitale si trova in realtà in una zona pianeggiante. Podgorica è circondata da due fiumi: Morača e Ribnica. Il primo si estende su una valle al centro della città ed è stata una piacevole esperienza passeggiare lungo le sue acque verde turchese, che contrastavano con le pietre bianche che ricoprono le sue rive.

Architettura

La Cattedrale della Resurrezione di Cristo a Podgorica, in Montenegro, è un'architettura moderna con elementi di stile bizantino.
Cattedrale di Podgorica

Anche l’architettura di Podgorica non è facile da descrivere. È caratterizzato da regimi mutevoli. La parte più antica della città non è come le altre città. È una zona quasi esclusivamente residenziale, con case antiche e strade strette. Anche i tempi dell’Impero Ottomano hanno lasciato un segno in questo luogo: vi abbiamo trovato due moschee e una pittoresca torre dell’orologio. È stata un’esperienza così particolare per noi confrontarla con il luogo in cui abbiamo soggiornato a Nova Varoš (“città nuova”), dove le strade erano ampie come in altre città europee.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, Podgorica fu quasi rasa al suolo e fu costruita come città jugoslava nel blocco comunista (la città si chiamava allora “Titograd” – in nome di Josif Brod Tito, il presidente della Jugoslavia). Questi caseggiati erano tipici dell’epoca e in molti punti erano dipinti con colori vivaci, che davano alla città un aspetto più vivace. A partire dagli anni ’90 è iniziata la rivoluzione urbana e sono stati costruiti nuovi edifici in acciaio e vetro. In questo periodo furono costruiti anche il Ponte del Millennio e la chiesa ortodossa Hristovog Vaskrsenja, che divennero i principali punti di riferimento della Podgorica contemporanea.

Torre dell'orologio (Sahat Kula) a Podgorica, Montenegro. Una vista risalente all'epoca ottomana.
La Torre dell’Orologio di Podgorica

Un altro esempio di questa tendenza dell’acciaio e del vetro a Podgorica è la via George Washington, assolutamente da percorrere per vivere un’esperienza unica. Io e Nico ci siamo andati di giorno e siamo stati gli unici a passare davanti a negozi lussuosi ma vuoti come Emporio Armani, Max Mara e altri. Una playlist di canzoni natalizie americane veniva diffusa dagli altoparlanti e sembrava iniziare nel momento in cui ci avvicinavamo a quegli edifici. Poi, all’improvviso, dopo aver fatto qualche altro passo per allontanarci da questa strada, siamo stati circondati da persone che camminavano lentamente verso gli uffici circostanti o verso il ristorante preferito.

Ecco come potrei riassumere l’esperienza di Podgorica: una città unica e sicura della propria cultura, dove la musica locale, il cibo e la genuina cordialità hanno la meglio sulla cultura pop occidentale ampiamente diffusa. Questo non significa che abbiamo avuto uno shock culturale, c’è molto di europeo in questo posto. Potrai inoltre sentirti sicuro e a tuo agio in ogni zona della città. Intendo dire che la fiducia e l’elogio delle loro tradizioni si sono diffuse a tal punto nella realtà moderna da diventarne parte integrante. Queste tradizioni non sono solo storiche, come in molti paesi occidentali; sono vive e si sviluppano in nuove forme, adattandosi al mondo moderno circostante.

Chiesa di San Giorgio a Podgorica e parco intorno alla collina di Gorica, Montenegro.
Chiesa di San Giorgio

Picture of Daria Trinkhaus

Daria Trinkhaus

Daria Trinkhaus is a writer, who loves to discover the hidden stories behind each and every place she visits.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *