Cattaro

Indice

Una volta che vedrai una foto della baia di Kotor fatta dalle antiche rovine nelle montagne sovrastanti, non potrai fare a meno di sognare di visitare questo luogo. Kotor, in Montenegro, era un sogno fotografico di Nico da almeno due anni, ma sembrava sempre un viaggio così lungo da Berlino, perché non c’erano buoni collegamenti aerei.

Questo fino al momento in cui abbiamo deciso di trascorrere il nostro Capodanno a Podgorica, che dista solo 65 km da Kotor: non potevamo perdere l’occasione.

Foto panoramica di Kotor, Montenegro.
Vista panoramica sulla baia di Kotor
Foto di Capodanno 2017 della Porta del Mare di Kotor, scattata all'alba.
Decorazioni per il Capodanno a Kotor

Il primo giorno del 2017 abbiamo lasciato Podgorica e ci siamo diretti a Kotor. Considerando che il gennaio gli autobus diretti a Kotor sono diminuiti, abbiamo preso un taxi.

Si è rivelata un’ottima idea, poiché il tempo era semplicemente perfetto e per circa 2 ore abbiamo avuto il tempo di ammirare il paesaggio con le sue valli verde scuro e le montagne nere (da cui deriva il nome “Montenegro”).

Solo poche nuvole soffici erano adagiate sulle cime e ci è sembrato che sembrassero stanche dopo aver festeggiato la notte scorsa. Alcune volte i nostri battiti cardiaci sono aumentati quando l’autista ha fatto una curva di 180 gradi e abbiamo potuto vedere il precipizio e il mare turchese, anche se solo per un momento.

Fiordo dell’Europa meridionale

Panorama del tramonto su Kotor e la Baia di Kotor in Montenegro.
Baia di Kotor al tramonto

Quando abbiamo raggiunto Kotor, la nostra pressione sanguigna è salita ancora di più per l’eccitazione. Non si poteva vedere il mare Adriatico dalla riva. In questa parte del Montenegro, il mare si addentra nella terra e nelle montagne, creando ria – un canyon fluviale sommerso, che assomiglia a un fiordo – la Boka Kotorska nella lingua nativa di questa regione.

L’acqua era turchese, in contrasto con le scogliere a strapiombo – Orjen e Lovćen, che da questa prospettiva sembravano chiudere la baia. Alle nostre spalle, gli edifici bianchi della città contrastavano con le montagne scure, che incombevano sui piccoli edifici chiari.

Alla luce calda del tramonto, potevi vedere l’antica fortezza di Kotor, così tranquilla e vuota a quest’ora.

Città dei gatti

Immagine della Porta Nord di Kotor, scattata poco prima dell'alba.
Porta settentrionale di Kotor

Abbiamo lasciato le valigie disfatte nel nostro appartamento Airbnb, abbiamo preso la macchina fotografica, qualche fetta di pizza e siamo andati a scattare le foto prima che arrivasse la notte. È stato un buon inizio di anno! Dopo aver camminato per qualche ora, abbiamo scoperto che Kotor è molto animata anche di notte.

L’intero suolo della città era ricoperto di sampietrini bianchi che, se bagnati dall’aria della sera, riflettono le luci in modo tale che l’intera città sembrava fatta di marmo. Nei negozi di souvenir abbiamo visto cartoline con i “gatti di Kotor”. All’inizio abbiamo pensato che fosse a causa di quelle pietre (in polacco i “sampietrini” sono chiamati “pietre di gatto”), ma poi quando abbiamo guardato in basso abbiamo visto tantissimi gatti di ogni forma, dimensione e colore che correvano per le strade con i loro rumorosi miagolii. Era una vera e propria città dei gatti!

Il centro storico di Kotor e la Fortezza Veneziana sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO

Immagine della Cattedrale di Kotor, scattata poco prima dell'alba.
La Cattedrale di San Trifone

Kotor è un sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, così come il centro storico di Kotor e la fortezza veneziana sulla collina di San Giovanni. Il centro storico è piccolo (961 abitanti, secondo Wikipedia), ma si può perdere la strada in continuazione. Tuttavia, c’è una cosa di cui puoi essere certo: una volta che pensi di esserti perso, alla fine tornerai sempre nella piazza della Cattedrale di San Trifone, sede del vescovado cattolico romano.

La cattedrale fu costruita nel 1166 ed è uno degli edifici più ornamentali di Cattaro di epoca medievale. Si trova quasi al centro della città ed è impressionante vedere le sue pareti bianche in contrasto con le montagne sovrastanti. Oltre alla cattedrale, Nico ha apprezzato l’architettura della Porta del Mare e della Porta del Fiume di Kotor, parti della fortificazione della città che risale alIX secolo. Gli è piaciuto così tanto che si è svegliato prima dell’alba per immortalarli nella “ora blu”, quando la città ancora dorme.

Visitare Kotor in inverno

Immagine notturna della baia di Kotor, scattata dalla Fortezza di Kotor.
Vista notturna della baia di Kotor

L’inverno è un periodo adatto per visitare Kotor, poiché non ci sono molte persone che arrivano in crociera. Abbiamo potuto goderci la città senza doverci infilare nella folla. È stata anche una buona occasione per Nico di scattare foto senza persone. Tuttavia, non appena abbiamo deciso di salire sulla fortezza veneziana che domina la città, abbiamo scoperto di non essere gli unici stranieri in giro e ci è sembrato che tutti vengano a Kotor, saltino la città e vadano a vedere la fortezza.

Fortezza veneziana sulla collina di San Giovanni

La Fortezza di Venezia è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO

Abbiamo trascorso quasi tutto il giorno sulla collina di San Giovanni, dove si trova la fortezza. Abbiamo camminato su e giù, cercando di trovare la composizione perfetta per le foto, senza fiato per tutto il tempo, rimanendo stupiti dalla vista della città con i suoi tetti rossi ai nostri piedi, l’acqua turchese della baia e le montagne scure dall’aspetto pericoloso sopra di noi.

La Fortezza di Cattaro sulla collina di San Giovanni unisce gli stili architettonici illirico, bizantino e veneziano. La fortezza fu costruita nelVI secolo dall’imperatore Giustiniano I. La costruzione fu ultimata, tuttavia, in epoca veneziana, quando la città cedette al dominio veneziano. Al giorno d’oggi, le rovine della fortezza sono gli unici resti della sua gloria, ma sono ancora mozzafiato, e non solo perché devi salire centinaia di scale ripide per vederla completamente. È stata anche una dose di adrenalina salire semplicemente lì, dato che le scale non sono ben restaurate in ogni parte e, a volte, la vista era proprio sotto i nostri piedi.

L’avventura delle fortificazioni di Kotor prima dell’inizio dei lavori di restauro

Vista diurna della baia di Kotor con particolare attenzione alle rovine della fortezza di Kotor.
Rovine della Fortezza di Kotor

Le fortificazioni di Cattaro sono state gravemente distrutte dai terremoti, l’ultimo dei quali nel 1969. Nello stesso anno, sono stati inseriti nella Lista dei siti del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO in pericolo. Anche se il restauro è avvenuto nel 2003, è stato fatto per lo più in città. La fortezza superiore porta ancora i segni del tempo, dell’erosione e dei terremoti – quindi, una volta lì, fai attenzione! Tuttavia, in quelle rovine non conservate, abbiamo trovato una sorta di bellezza malinconica. Quindi, alla fine, siamo stati molto felici di vederla così selvaggia, prima che il restauro ne cambi l’aspetto.

Si può descrivere la storia di Cattaro, scrivere del suo aspetto, ma le parole a volte non bastano. Alla fine, dopo aver visto le foto della macchina fotografica di Nico, Daria ha rinunciato a scrivere qualcosa che potesse eguagliare i panorami catturati dal film. Il contrasto dei colori dell’acqua, delle montagne scure e degli edifici della città era unico. Anche se Kotor non è stata una località facile da raggiungere per noi, non ci siamo pentiti di averla raggiunta e di aver visto questa città ricca di contrasti.

Picture of Daria Trinkhaus

Daria Trinkhaus

Daria Trinkhaus is a writer, who loves to discover the hidden stories behind each and every place she visits.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *