Atene

Indice

Come ti immagini che sarà il tuo viaggio ad Atene?

Io e Nico abbiamo immaginato l’Acropoli, il Partenone stesso, le sculture di marmo dell’antichità e molte altre che ricordavamo dalle foto che spesso vedevamo nei libri di storia a scuola.

Atene, tuttavia, ci ha sorpreso per molti aspetti. Si è rivelata una città molto affascinante e vivace, dove è facile immergersi nella cultura greca e avere la sensazione di passare continuamente da una moderna città europea a un’antica civiltà.

Impreparati all’inverno greco

Pittoresca vista panoramica della zona di Monastiraki ad Atene, catturata di sera.
Vista sull’Acropoli

Quando siamo arrivati ad Atene il26 gennaio, siamo rimasti sorpresi dal tempo. In qualche modo, abbiamo avuto l’idea di poter indossare giacche leggere e sentire il calore del clima mediterraneo. In effetti, c’è stato il sole quasi ogni giorno, ma le temperature sono scese fino a -1C.

È emerso che l’inverno del 2017 è stato uno dei più freddi degli ultimi 10 anni. Fino a quest’anno, la gente del posto non ha visto la neve per molti anni. Durante il giorno era abbastanza piacevole da avere un’aura fredda ma soleggiata. L’unico problema era la sera, quando faceva molto freddo. Tuttavia, dato che era un buon momento per visitare le taverne greche (il nome dei ristoranti tipici greci), non ci siamo lamentati troppo.

Il colore di Atene

Un romantico tramonto, catturato dalla cima della collina di Licabetto ad Atene, in Grecia.
Tramonto ad Atene

La prima cosa che ci ha colto di sorpresa è stato il colore di Atene! A prima vista, tutto sembrava essere bianco, con solo qualche macchia di verde sotto un cielo azzurro e limpido. Ma se guardavi più da vicino, potevi notare che alcuni tetti avevano colori distinti: rosso o grigio, ma anche alcuni edifici erano piuttosto beige.

Vista panoramica di Atene in Grecia, che sembra un'antica città greca.
Mare di Marmo

Tuttavia, dal punto di vista ottico, tutto sembrava essere chiaramente bianco, cosa che di solito si collega all’architettura greca. Solo poche delle città che abbiamo visto possono vantare una gamma di colori così particolare, come ad esempio i tetti rossi di Praga. Queste prime vedute hanno reso Nico ancora più entusiasta di scattare foto ad Atene.

Il quartiere Plaka per gli amanti della storia e del cibo

Ad Atene abbiamo alloggiato a Plaka, un quartiere noto non solo per le antiche rovine ma anche per i numerosi ristoranti con ottimo cibo. Siamo stati informati dal nostro tassista, come prima cosa da fare qui. Ma prima di tutto, guarda cosa c’è fuori dalla tua finestra (e cerca di non rimanere a bocca aperta per troppo tempo o la gente riderà di te). Se ti fermi un attimo e guardi in alto, potresti rimanere colpito dalla fantastica vista sull’Acropoli, che si staglia maestosa sulla città. Non importa da quale lato la guardi, è semplicemente lì, una città di pietra vecchia di secoli.

Una bellissima immagine della Cattedrale Metropolitana di Atene.
Cattedrale Metropolitana di Atene

Quando abbiamo iniziato a girare per Plaka, abbiamo scoperto che l’Acropoli non è l’unica reliquia storica in circolazione. Passeggiando, abbiamo scoperto l’Arco di Adriano, il Tempio di Zeus, la Torre dei Venti, l’Agorà romana, la Stoa di Attalos, la Chiesa di Kapnikarea, il Monastiraki e molto altro ancora. Il quartiere Plaka ci è sembrato quasi un labirinto. Quest’area si sviluppò sul versante settentrionale dell’Acropoli intorno all’Agorà già nel periodo antico. Al giorno d’oggi, è un mix di edifici di vari secoli, con lo stile architettonico neoclassico che è il più diffuso.

Treno della metropolitana di Atene che attraversa l'Agorà
Treno della metropolitana ad Atene

Fin dal primo giorno ci siamo resi conto di essere non solo al centro di tutte le attrazioni, ma anche al centro della vita di Atene. Qui la metropolitana può passare tra le antiche rovine dell’Agorà, la stessa stazione della metropolitana può essere un luogo storico e le persone possono trattarla come qualcosa di banale, correndo tra i luoghi storici, probabilmente di ritorno dal lavoro.

La zona di Plaka è stata un’ottima scelta per esplorare la cucina greca. Gli accoglienti ristoranti in stile casalingo erano ovunque in quelle strade strettissime. E, naturalmente, si poteva ascoltare la musica tradizionale greca ovunque, in qualsiasi parte della città ci si trovasse.

In pratica, abbiamo iniziato la nostra avventura in Grecia mangiando a volontà. E dopo alcuni Meze (piccoli piatti tipici greci), ci siamo innamorati di questa cucina. Alla fine del nostro viaggio, abbiamo anche frequentato un corso di cucina sui piatti tipici di questa regione, in modo che quei sapori rimanessero con noi anche a Berlino (consigliamo vivamente il corso di cucina con Filou a Diavlos Taverne). Daria ha trovato più gradevole il meze vegetariano, che è una sorta di insalata greca, o le polpette di zucchine, mentre Nico ha apprezzato maggiormente i piatti di carne e il souvlaki (il cibo di strada locale, assolutamente da provare, soprattutto nel pane pita).

Per entrambi è stato una sorta di viaggio sensuale. Abbiamo finito per scoprire non solo il sole, ma anche i panorami e i sapori della Grecia, che sono molto diversi da quelli a cui siamo abituati nei ristoranti greci in Germania.

Una bellissima foto che mostra la vivace Piazza Monastiraki di Atene di notte.
Piazza Monastiraki di notte

Picture of Daria Trinkhaus

Daria Trinkhaus

Daria Trinkhaus is a writer, who loves to discover the hidden stories behind each and every place she visits.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *