Museo di Arte Islamica (MIA) – Doha | Qatar

Il Museo di Arte Islamica (MIA) è un simbolo del Qatar. Probabilmente hai già familiarità con la forma di questo edificio se hai mai visto articoli che incoraggiano a visitare la capitale del Qatar – Doha. Non c’è da stupirsi – l’architettura di questo edificio, che combina elementi dell’antica architettura islamica e del moderno design geometrico, riflette abbastanza bene lo spirito del luogo.

Come molte attrazioni di Doha, il Museo d’Arte Islamica è una costruzione abbastanza moderna. Ebbene, il museo di Doha ha aperto le sue porte al pubblico solo nel dicembre 2008. Se non lo sapessimo, probabilmente penseremmo che il MIA si trova sulla costa Corniche per almeno qualche decennio ancora. Anche se il museo stesso sembra nuovo e ben tenuto, gli elementi islamici tradizionali potrebbero mascherare la vera età del monumento.

L’architetto del Museo d’Arte Islamica è stato assunto per questo progetto quando era già in pensione. Infatti, I.M. Pei aveva 91 anni all’epoca. Dopo aver intrapreso la progettazione di questa struttura, ha iniziato a viaggiare per 6 mesi nei paesi arabi. Durante questo periodo ha approfondito la storia e i testi islamici in cerca di ispirazione per il suo lavoro. Come risultato, la Moschea di Ibn Tulun al Cairo, che risale al IX secolo, fu la più grande influenza sull’architettura finale del MIA.

Il Museo d’arte islamica si trova su un’isola artificiale vicino al tradizionale porto “dhow” del Qatar. Sfortunatamente, non siamo riusciti a visitare il museo stesso durante il nostro soggiorno a Doha, ma abbiamo potuto ammirare la sua architettura dal lungomare in diversi momenti del giorno e della notte. Questa foto ha richiesto a Nico quasi un’ora, poiché la sera innumerevoli “barche da festa” passano attraverso il canale vicino al museo, il che ha fatto sì che il museo si riflettesse nell’acqua.

Nico Trinkhaus

Nico Trinkhaus

Nico Trinkhaus is the mind-blind photographer, using cameras to create visions and memories that otherwise would be lost to him.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nico Trinkhaus
Photography

Blogger, looking for photos?

You may qualify for a free license